Home
La chiesa di Sant'Antuono
Gli affreschi
I monaci antoniani
Le chiese rupestri
Visita Oppido
Crediti

 

facciata belvedere

 

Santuario diocesano Santa Maria della Purità.


Meglio conosciuto come Belvedere, offre uno scenario naturale ed un panorama paesaggistico davvero suggestivo. Al suo interno racchiude un’interessante statua lignea policroma, raffigurante la Madonna col Bambino, risalente ai primi anni del Cinquecento.

La leggenda che la circonda narra che la suddetta statua si sia collocata su una quercia del monte Belvedere e lì, sarebbe stata scoperta da un contadino. La Vergine espresse al contadino il desiderio di essere venerata in quel luogo. Gli oppidesi tuttavia eressero un edificio sacro a Lei dedicato, ma in luogo più vicino al paese. Qui fu traslocata l’effigie, che il giorno seguente però, fu trovata nuovamente all’attuale Santuario. L’episodio si ripeté più volte, finché si capì che la Madonna voleva essere venerata proprio al Belvedere. Si decise dunque di erigerne il Santuario.

La fabbrica originaria della Chiesa dovrebbe risalire ai secoli XIII-XIV.

Torna indietro